Regione Piemonte

"Covid-19" - Nuove norme in vigore

Pubblicato il 19 gennaio 2021 • Emergenza

1 Febbraio 2021

Da lunedì 1° febbraio il Piemonte tornerà ad essere zona gialla.

17 Gennaio 2021

Un’ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza, pubblicata oggi sulla Gazzetta Ufficiale, dispone per il Piemonte la Zona Arancione dal 17 al 31 gennaio 2021.

13 gennaio 2021

Il Consiglio dei Ministri n. 90, vista la nota del Ministro della salute e il parere del Comitato tecnico scientifico, ha deliberato la proroga, fino al 30 aprile 2021, dello stato d’emergenza dichiarato in conseguenza della dichiarazione di “emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale” da parte della Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Inoltre è stato approvato un decreto-legge che proroga, al 30 aprile 2021, il termine entro il quale potranno essere adottate o reiterate le misure finalizzate alla prevenzione del contagio ai sensi dei decreti-legge n. 19 e 33 del 2020. Il decreto conferma, fino al 15 febbraio 2021, il divieto già in vigore di ogni spostamento tra Regioni o Province autonome diverse, con l’eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Tra le novità, l'istituzione di una cosiddetta area “bianca”, nella quale si collocano le Regioni con uno scenario di “tipo 1”, un livello di rischio “basso” e una incidenza dei contagi, per tre settimane consecutive, inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti. In tale area non si applicano le misure restrittive previste dai DPCM per le aree gialle, arancioni e rosse ma le attività si svolgono secondo specifici protocolli.

 

Le principali misure della Zona Gialla

Ristoranti e bar
Bar e ristoranti saranno aperti dalle 5 fino alle 18 anche se ai tavoli non potranno essere sedute più di quattro persone, a meno che non siano conviventi. L’asporto è consentito fino alle 22 per i ristoranti ma non per i  bar, per i quali continuerà a esistere il limite delle 18 per una norma introdotta dal nuovo Dpcm teso a evitare assembramenti all’esterno. Come per le zone arancioni e rosse non c’è alcuna limitazione per le consegne a domicilio.

Spostamenti
Continua a essere vietato spostarsi in un’altra regione se non per comprovate ragioni di lavoro, salute e necessità. Ma torna a essere libera la circolazione all’interno della propria regione senza limitazioni. Si possono cioè visitare altri Comuni senza problemi.
Resta il divieto di spostamento dalle 22 alle 5 se non per comprovate ragioni di lavoro, salute e necessità.

Cosa resta chiuso
La data per la ripartenza dello sci resta invariata: il 15 febbraio. Niente da fare inoltre per piscine, palestre, cinema, teatri e spettacoli dal vivo. Restano purtroppo ancora chiusi.

Ripartono i Musei
Tornano a riaprire invece mostre e musei, ma solo dal lunedì al venerdì: sabato e domenica tutto chiuso come prevede il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Spiegazione nuovo DPCM
Allegato 1.33 MB formato pdf
Scarica